Milano a sei zampe

Belinda di Camilla Sernagiotto

Non più solo città della moda: il capoluogo lombardo è diventato la Mecca dei cinofili. All’ombra della Madonnina pullulano ristoranti, bar, boutique, hotel e bistrot in cui i cani possono entrare. E dove, addirittura, sono ben accetti.

di Camilla Sernagiotto

Ciotole dell’acqua nei negozi, camere pet friendly negli alberghi, dog bar in cui il proprio cucciolo può sorseggiare aperitivi, aree verdi attrezzate per far correre cani di ogni taglia. Roba da far esclamare “wow!” (insieme a “bau!”). Ebbene sì: questa è la Milano percorsa a sei zampe (se si contano anche quelle del padrone all’altro capo del guinzaglio). Un vero e proprio Paese dei Balocchi per Fido e per chi lo ama.
La città offre innumerevoli possibilità per trascorrere piacevoli mattinate, pomeriggi e sere da cinofili provetti, con tantissime alternative che vanno dall’alba al tramonto e perfino dal tramonto all’alba: in qualsiasi momento della giornata c’è un posticino perfetto per godersi il proprio cane all’ombra della Madonnina. Il locale ideale per la “colazione with dog” è il Valà (via Daniele Crespi 14), una caffetteria dallo stile hipster che dedica ai cagnolini un angolo con ciotola per l’acqua e un tappetino su cui riposare.
Per i padroni con il pallino del brunch, invece, due indirizzi da segnare sono via Cuccagna 2 e Alzaia Naviglio Pavese 286, rispettivamente le sedi di Un Posto a Milano ed Erba Brusca. Il primo è il ristorante della Cascina Cuccagna, vera e propria roccaforte green in cui gli animali possono scorrazzare tra orti e giardini. Qui un brunch biologico a base di uova da allevamento a terra e verdure a chilometro zero sarà servito sia sul piatto sia nella ciotola. Erba Brusca non è da meno. Si tratta di un bistrot in cui degustare manicaretti preparati con gli ingredienti dell’orto annesso e al contempo assaporare la squisita attenzione che il personale riserva agli amici a quattro zampe. Non lasciatevi intimorire dal cartello (ironico) “Tenere i gatti al guinzaglio”: qui gli animali possono sgranchirsi nell’isola verde degli orticelli adiacenti, purché un minimo di galateo sia stato loro impartito. Dopo essersi rifocillati, un “lancio della palletta” al parco è quello che ci vuole. Sul sito del Comune di Milano sono elencate tutte le aree dedicate suddivise per zone. Per raggiungerle comodamente, i più pigri possono optare per AutoBau, il pet taxi di Gianluca Baldon che, dopo aver lavorato per anni alla protezione animali, ha scelto di diventare lo chaperon dei cagnolini della città e hinterland. Dopo un giro a bordo della sua vettura cinofila e di una corsa al parco, il bisogno di acquietare il languorino dell’ora di pranzo si farà impellente. Ma niente paura: c’è l’imbarazzo della scelta.
Se è vero che ormai i cani possono entrare per legge in qualsiasi locale, è anche vero che i padroni preferiscono posti in cui siano ben accetti, legislazione a parte. Uno di questi è Le 3 Melarance (via Orti 10), un ristorante wine bar dove godersi la pausa prandiale in pieno relax senza temere le vicinanze di “cino-gini” che non apprezzano l’entrata libera. Anche lo storico A’Riccione (via Torquato Taramelli 70) è di vedute aperte nonostante l’età: inaugurato nel 1955, è da allora che accoglie qualsiasi cane varchi la soglia. La stessa aria pet friendly si respira alla Fabbrica (viale Pasubio 2), deliziosa pizzeria in cui ci si sente a casa propria (anche Fido avrà la stessa sensazione).
Per smaltire pizza e crocchette scordatevi la pennichella e optate piuttosto per una disciplina quasi olimpionica: lo shopping milanese. La capitale della moda non poteva dimenticarsi degli outfit con quattro maniche! Per gli amichetti chic, un must visit è Prince and Princess (via Meravigli 16), la luxury boutique che offre una vasta gamma di accessori handmade, abbigliamento su misura, gioielli e addirittura dischi di pet music. I padroni più attenti al sociale virino invece in direzione Dilan Dog (viale Tunisia 15), negozio per animali che devolve parte dei profitti per la realizzazione di progetti solidali. Senza nemmeno accorgersene, sarà già l’ora felice, quella dell’Happy Hour. Provate il risto-bar Sanvittore (viale Papiniano 16) e l’Ostello Bello (via Medici 4), entrambi ben disposti nei confronti degli animali da compagnia. E già che siete al bar dell’Ostello, prenotate lì una camera per la notte!
A Milano gli hotel che accettano di buon grado i cuccioli sono tantissimi e, seguendo l’esempio del pioniere Enterprise Hotel (corso Sempione 91) e del suo Doggy Kit composto da cuccia, ciotola, croccantini e simpatiche cartoline da spedire agli amici, tutti si stanno attrezzando per rendere il soggiorno dei pet non solo comodo, ma addirittura indimenticabile. Altro che vita da cani.

 

SUL WEB
www.autobau.it
www.princeandprincess.it
www.dilandog.it
www.comune.milano.it

 

Articolo pubblicato su Club Milano 18, gennaio – febbraio 2014. Clicca qui per scaricare il magazine.

Commenti

commenti

1 Comment

  • […] ma anche una città dove i nostri amici a quattro zampe sono accettati e benvoluti. Infatti, Milano è la città adatta per i nostri cani, ricca di luoghi dove portarli e dove in molti si prodigano per un pensiero carino nei loro […]

Leave a Reply