Milano con gli occhi delle donne

Le due madri di Segantini in mostra alla GAM

Visite guidate “a tinte rosa” nei luoghi storici di Milano, spettacoli di teatro-terapia, mostre di scultura-fotografia e maratone cinematografiche. Appuntamento con un 8 marzo all’insegna di arte e cultura per riscoprire la città con gli occhi delle donne.

8 marzo 2018 | di Alessandra Cioccarelli

Quando si parla di Festa della Donna proporre qualcosa di interessante, lontano da slogan stucchevoli o prevedibili ritornelli, non è impresa semplice. Varie iniziative milanesi, rivolte alle donne e non solo, celebrano, attraverso una lente di ingrandimento artistica e culturale, il fascino del femminile attraverso la voce di diverse epoche e autori. Ecco le proposte che abbiamo selezionato per voi.

Con Milanoguida visite in rosa tra i luoghi storici della città
Giovane realtà tutta al femminile, Milanoguida, in occasione della Festa della Donna, organizza tre visite guidate a tinte rosa nei luoghi storici della città:
Donne e amori di Milano è un viaggio a spasso per le strade meneghine, sulle orme di Caravaggio, Donizetti, Foscolo per ripercorrere i delitti passionali, le nozze regale, le fughe di amanti che si consumarono tra i palchi del Teatro alla Scala, nelle case chiuse del centro, a bordo di un brum…
(Partenza per le 11.30 con ritrovo alle 11.15 alla torre di ingresso del Castello Sforzesco).
La donna dell’arte dell’Ottocento è una visita guidata attraverso le 30 sale della Galleria d’Arte Moderna per esplorare a partire dai più piccoli dettagli – il taglio di una veste, la tipologia di acconciatura, il portamento di un soggetto – le evoluzioni del ritratto femminile: dalle donne sensuali del Romanticismo a quelle politicamente impegnate dell’epoca risorgimentale, alle donne-madri della Belle Époque e del Simbolismo.
(Partenza ore 14 direttamente alla Gam).
 Le donne del Cimitero Monumentale racconta  la storia delle donne attraverso le sepolture di importanti personalità femminili di Milano, donne di primaria importanza nella scena otto-novecentesca, ma anche figure di minore fama ma di indubbio valore. Si attraversa la letteratura con Neera e Alda Merini, il mondo della moda con Biki e Iole Veneziani, quello dello spettacolo con Dina Galli e Wanda Osiris o della politica e cultura con Clara Maffei e Margherita Sarfatti.
(Partenza ore 15).

Per informazioni e prenotazioni su queste e altre visite contattare Milanoguida al numero 02 35981535 o via email all’indirizzo info@milanoguida.com.

A Casa Merini teatro-terapia e musica italiana
«Sono nata il ventuno a primavera
ma non sapevo che nascere folle,
aprire le zolle
potesse scatenar tempesta.
Così Proserpina lieve
vede piovere sulle erbe,
sui grossi frumenti gentili
e piange sempre la sera.
Forse è la sua preghiera».

Con questi intensi e celebri versi Alda Merini dipingeva la sua data di nascita e a Casa Merini, marzo non può che essere il mese per eccellenza dedicato alla donna e insieme alla nota poetessa meneghina. In programma per tutto il mese c’è un ricco carnet di appuntamenti con poesia, musica e pittura. Due sono le proposte per l’8 marzo: si comincia alle ore 16.30 con un percorso di teatro-terapia In scena per raccontarsi, con presentazione scenica finale che vede protagoniste l’associazione ParaTodos e un gruppo di donne ecuadoregne, cilene e argentine. Alle 19 è invece la volta della performance canora di Marzia Schenetti che interpreta Le sei regine della musica italiana e a seguire un Aperimimosa (prenotazioni a info@lacasadelleartiste.it).

Al Museo Poldi Pezzoli è tempo di Women Map
Per l’8 marzo, il Museo Poldi Pezzoli l’8 marzo propone un’iniziativa speciale, la Women  Map, una mappa-itinerario per conoscere il caleidoscopio di figure femminili rappresentato all’interno delle collezioni del museo cittadino: Artemisia e Bilia, Arianna e Circe, Oriana e Rebecca, le protagoniste femminili di racconti e narrazioni letterarie, modelli femminili che ispirarono il talento di pittori, scultori ma anche artigiani e orafi. Immancabile una sosta nel Salone Dorato del Museo per ammirare il Ritratto di Dama, simbolo per eccellenza del Poldi Pezzoli. Dalle 10 alle 17, con ingresso a prezzo ridotto (7 euro) per le donne.

E se vi avanza un po’ di tempo a Palazzo Reale è possibile visitare le mostre in corso con un biglietto ridotto per il gentil sesso, mentre allo Studio Francesco Messina c’è l’inaugurazione di Belle di natura, una curiosa mostra multidisciplinare: le sculture di Messina realizzate negli anni ’70 e raffiguranti le danzatrici Aida Accolla, Carla Fracci e Luciana Savignano dialogano con le fotografie scattate da Gianluca Balocco e gli arazzi di Zachari Logan. Infine il Cinema Beltrade omaggia questa giornata con una minimaratona che dalle 17 propone modelli alternativi di donne e non solo. A raccontarcela sono Irmela, Marlina e Marina a rappresentanza di tutte quelle donne che, per scelta o per necessità, decidono di intraprendere strade poco consuete e poco in linea con l’immaginario comune della nostra società contemporanea.

 

In apertura il quadro Le due madri di Segantini in mostra alla GAM Milano.

 

 

Commenti

commenti

Be first to comment