Unlimited design per IDD

April-Key8, Isola Design District

Shape. Texture. Minimalis. Material. Dimension. Perspective. Color… e soprattutto Unlimited Design ecco le parole chiave dell’edizione 2019 di Isola Design District. L’obiettivo è aprirsi alla contaminazione di saperi e discipline diverse.

di Marilena Roncarà | 5 marzo 2019

Isola Design District inaugura il terzo anno di attività e lo fa conferendo sempre maggiore spessore a un percorso di innovazione e ricerca da sempre aperto a realtà nazionali e internazionali e volto a coprire con la propria presenza tutto il quartiere. Che cos’è il design? È la domanda che ha portato alla scelta del tema di questa edizione – spiega Gabriele Cavallaro, co-founder di Blank e Project Manager dell’evento – anche se poi la risposta Unlimited Design è in un certo senso una provocazione che mira a celebrare il design in tutte le sue forme, compresa la visualizzazione digitale, oltre il prodotto e la sua semplice funzione. Da qui la proposta della app Aria The AR Platform dello studio creativo Alkanoids, per vivere esperienze di realtà aumentata e accedere a contenuti esclusivi nelle varie situazioni del distretto di Isola.

Isola Design District, Snake di Campidarte

Snake di Campidarte

Dal 9 al 14 aprile, nei giorni della Design Week, al 26 di via De Castilla, la Stecca 3.0 si trasforma in un vero e proprio Design Village con il bar firmato da Caracol Studio interamente stampato in 3D da un sistema robotico antropomorfo e realizzato con polimeri di derivazione naturale biodegradabili e a impatto zero. A illuminarlo le lampade Superloop di Delta Light. Mentre la zona esterna della Stecca è arredata da pouf e sedute firmati LOOM, azienda promotrice anche di un progetto all’insegna dei processi di produzione ecosostenibili (in collaborazione con Enea), che prevede imbottiture di materiale organico vegetale derivato dal recupero delle biomasse marine spiaggiate.

Sempre la Stecca 3.0 è anche luogo di eventi quotidiani, diurni e serali, a partire dagli Unlimited Design Talks: sei giornate di formazione con talk, approfondimenti e workshop organizzate da The District – la prima piattaforma online dedicata ai designer volta a facilitare la ricerca di collaboratori ed opportunità in campo creativo. Tra i temi affrontati manifattura digitale, illustrazione, motion e prodotto, qui tutte le info.

Isola Design District. Hartwerp, Zonderzonde

Hartwerp, Zonderzonde

Sempre all’interno della Stecca è ospitato il progetto Hartwerp della designer belga Lien Van Deuren, una collezione di arredamento urbano caratterizzata dalla possibilità di interagire con installazioni o sculture, la seduta modulare Snake, realizzata da Campidarte con i contenitori utilizzati per trasportare le uova, ora uniti da una corda che ne attraversa tutto il corpo e permette di modificarne la forma e Stauper di Gard Hagen e Jonas Carlsen, il primo e unico daybed bio-composito in fibra di lino al mondo. Accanto alla Stecca 3.0, in via De Castilla 34, prende vita Ca’ ventiquattro il progetto curato da Roberta Borrelli di MAKEYOURHOME per cui un vecchio appartamento viene trasformato in un’esperienza di ospitalità attraverso un contest che consente a giovani designer di realizzare un proprio progetto di arredo.

In omaggio al 100esimo anniversario del Bauhaus, Myriam Kuehne Rauner quest’anno dedicherà le sue nuove opere in edizione limitata allo stile caratteristico del Bauhaus con la collezione Echo Bauhaus in esposizione nella sua galleria Angelo della Pergola 1. Sempre Myriam Kuehne Rauner presenterà The Nordic Design Apartment, un progetto realizzato con la designer e artista finlandese Jutta Yla-Mononen, che per l’occasione presenterà un’opera in vetro e il libro Inspire Me!, dedicato a 25 designer finlandesi.

sola Design District. Vista aa di Echo Bauhaus Collection di Myriam Kuehne Rauner

Vista aa di Echo Bauhaus Collection di Myriam Kuehne Rauner

Da Sydney a Milano, gli australiani di DesignByThem scelgono Isola Design District per la loro prima volta in Europa. Trasformando la già incredibile residenza per artisti VIAFARINI (in via Farini 35) in un parco giochi di design grazie agli oltre 30 pezzi d’arredamento firmati dall’azienda e alla nuova collezione DL Seating.

Non mancano le collaborazioni con università e accademie di design: dalla danese Royal Academy of Fine Arts Schools Architecture, Design e Conservation che allo Spazio Gamma di via Pastrengo 7 presenta Different Bodies, un’esposizione sul tema del design applicato alla disabilità, alla University of Lapland, Faculty of Art and Design che allo studio Vundes di via Confalonieri 11 porta in scena Kuura, una mostra sulla relazione tra l’ambiente artico e il suo stile di vita sostenibile, mentre  gli studenti del Corso di Laurea in Design del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale dell’Università degli Studi di Perugia, grazie al coordinamento del prof Marco Williams Fagioli sarà presente con un’installazione che traduce gli elementi distintivi del quartiere in una vera e propria segnaletica. Una parola ancora per il Milan Design Market, in via Pastrengo 14, con la direzione artistica di Elif Resitoglu (co-founder di Blank) dedicato a prodotti realizzati con materiali sperimentali, mentre il tema delle ambientazioni disegnate dagli architetti francesi Marie Chevalier e Colombe Crouan Find, The Lost City è stato ideato come proposta di architettura moderna per la delocalizzazione delle vittime del terremoto di Amatrice. Eco design e arte sono infine, i temi proposti da Green Island Eco-design e arte saranno, infine, i temi proposti da Green Island per i progetti I Giardini di Leonardo e Il Giardino della Mente. Il primo – un omaggio al genio di Leonardo Da Vinci nell’anno del 500esimo anniversario dalla scomparsa – è un percorso pubblico in cui botanica, architettura, eco-design e natura si fondono per trasformare il quartiere Isola in un giardino d’arte, con materiali  vegetali, allestiti nell’area esterna della Stecca 3.0. Il secondo, è un’installazione dell’artista e designer Michele Fabbricatore pensata per lo spazio pubblico e per la didattica: un’opera alta quattro metri, realizzata con riuso di materiale ligneo e contornata da un giardino mediterraneo. Ma per il dettaglio dei progetti e degli spazi protagonisti di Isola Design District si veda isoladesigndistrict.com.

Appuntamento martedì 9 aprile per l’Opening Day con eventi in tutte le principali location del distretto.

Isola Design District
Milan Design Week
9 – 14 aprile 2019

Commenti

commenti

Be first to comment